Vai alla Home Page
info@seblie.com

“Gocce, un sms per salvare l’acqua con una poesia”


Internet Provider
Tel: 800.911.922

ARGENTINAFOOD

Il giardino erboso
Bed & Breakfast



SYLLOGE
Associazione culturale - Arte, consapevolezza dell'Arte, sostegno di artisti e appassionati, diffusione di cultura artistica

HECTOR PARUZZO
BLOG

.......................L'Arte riguarda tutti. La tua opinione è importante
Gruppo seblie
Le mostre
I libri
Gli eventi
Discussioni
Menu
 
Presentazioni Libri Articoli
I libri, i racconti, le poesie
.Le pubblicazioni
“NOSTALGIAS” DI PATRICIA MONICA VENA ED. UNIVERSUM, TRENTO, 2001 EURO 9,90
di Anna Cecilia Poletti

Magari molti non li ricordano, Maxs e Patricia, ma forse qualcuno rammenterà un bel momento di poesia, al cui compimento concorsero un gruppo di bravi attori e un grafico, pittore, poeta nell’anima che fece da regista e da scenografo e, con una semplice seggiola impagliata e un raggio di luce, ci fece dimenticare i nostri poveri mezzi d’ospitalità.
Passando in questi giorni di maggio davanti alla nuova sede della libreria “Rinascita”, salta agli occhi il manifesto di una mostra di pittura: l’artista è proprio lui, Maxs Felinfer; titolo della mostra “Navi come uomini”.
Sono passati più di dieci anni da quando ci siamo conosciuti e non posso fare a meno di sentirmi incuriosita. Entro e resto attonita di fronte al cambiamento: navi incagliate, arrugginite, bloccate nella sabbia, fra gli scogli, tutte, indistintamente, con la prua rivolta verso di me, come dita di giudice. Non si può fare a meno di spostare l’attenzione fuori dal quadro e domandarsi cosa ci sia mai qui, nel punto in cui mi trovo, capace di irretire, di pietrificare.
Maxs mi riconosce, mi saluta, mi chiede che ne penso ed io quasi con supplica: “Maxs! Non portano più da nessuna parte queste navi...” lui mi risponde: “Già...” ma sorride. Mi saluta con un invito per il sabato successivo: la presentazione dell’ultimo libro di sua moglie Patricia, “Nostalgias”.
Rispondo con un “Grazie” ma so già che ci andrò: c’è qualcosa che chiama in quella mostra, ci sono delle domande che esigono risposta, c’è un vuoto al centro di quel circolo di prue che stuzzica tutta la mia curiosità.
La presentazione è ben condotta: entusiaste e coinvolte le relatrici, bravi gli attori e seducenti le musiche di Piazzolla. Patricia, assolutamente disarmante: schietta e semplice nel suo porsi del tutto naturale in un argomento che è stato degli immortali della letteratura come di tutte le forme d’arte.
Perché la nostalgia, in tutte le sue sfumature (di ciò che si è perso, di ciò che non si è mai avuto, delle cose e delle persone lasciate e di quelle che ci hanno lasciato, di quello che siamo stati e di quello che avremmo potuto essere) è un motore, come lo sono tutti i sentimenti: l’entusiasmo, la passione, l’amore, la fede. E, come tutte le emozioni, è patrimonio comune a molti uomini: chi sente di poter far suonare una corda del proprio animo la lascia vibrare in attesa che qualcuno si sintonizzi con essa. È quello che è capitato alle Nostalgie di Patricia: un libro nato con intento catartico che diventa consolazione per chi legge, come trovare un volto amico fra gli sconosciuti.
Il libro, strutturato nella forma tripartita narrativa, epistolare e poetica, è l’analisi delle più sottili sfumature che può assumere il sentimento di chi compie la scelta di lasciare la patria, gli affetti, il proprio modo di essere, la propria realizzazione personale, ma è anche la storia di chi, attraverso quel sentimento, capisce più in profondità chi è, conosce la nostalgia come caratteristica del proprio essere e supera il dolore. È la storia di un amore che cresce in proporzione geometrica: due patrie, due culture, due modi d’essere.
Sentire l’amore che si sposta dal dolore di una perdita a una tenerezza, a un affetto, a un’appartenenza nuovi è un messaggio di grande speranza.
Sembra impossibile, a posteriori, constatare che una coppia così affiatata raggiunga sintesi artistiche tanto distanti nel contenuto: l’angoscia di quelle navi rende ancora più dolce la nostalgia di quelle poesie.
Così come dieci anni fa era sorprendente osservare l’ammirazione nello sguardo e nell’atteggiamento silenzioso di Patricia nei confronti del lavoro del marito, così ora è commovente vedere la dedizione di Maxs nel curare i particolari della riuscita della presentazione di questo libro, sempre con quel sorriso meravigliato e un po’ naïf, tanto che viene da pensare che non può esservi disperazione nei suoi dipinti.
E chissà, forse quelle prue non sono dei giudici, ma solo uomini che per un istante hanno fermato il loro cammino e si sono raccolti in cerchio per ascoltare chi cerca un contatto più umano, per ascoltare se stessi, nel profondo delle proprie emozioni, per guardarsi in viso, l’un l’altro.

L'ultima crociata
Libro di Patricia Monica Vena

Nostalgie
Libro di Patricia Monica Vena
http://Argentina.casa - Segnali di Fumo verso Sud

Seblie il ruolo dell'arte
Libro di Patricia Monica Vena
- Roberta Lucianetti - Annalisa Piergallini

Seblie un linguaggio
Libro di Maxs Felinfer

Prologo: Roberta Lucianetti
Commenti: Hector R Paruzzo

Una storia ed altri racconti
Libro di Patricia Monica Vena

Poesie di Carlos Sanchez

Poesie di Chiarastella Mastrostefano

Oblò di Annalisa Piergallini

Poesie di Joan Prade

Scritti Angelo Gabrielli

Hector Paruzzo (poesia) Argentina

Io, Lei, il vicino ed altri ancora Maxs Felinfer

Scritti per riflettere

Chi sono? Poesia di Waldemar Pacheco.(Brasile)

Da tutto il mondo: Costumi, abitudini, modi di vivere di popolazioni lontane, conosciute e non

Cliccando sulle copertine è possibile scaricare la versione digitale di alcuni dei libri.

Servizio Speciale:
Il Dialetto Ascolano
a cura di Angelo Gabrielli

SEMINARI
POSTER
PERFORMANCE
GALLERIA
INTEGRANTI
DIDATTICA
  PER SORRIDERE, PER PENSARE, PER INFORMARSI:
IL VERO DEBITO ESTERO: Lettera di un capo indio ai governi europei
Confetti telematici :-)

Sei "internetdipendente"? :-)
A proposito di internet
Intervista a Maximiliano Guerra
Intervista "On line"
Sabato 27 Aprile 2002: Presentazione del Libro "Nostalgie" della scrittrice Patricia Vena, Libreria Rinascita, Ascoli Piceno Agosto 2002: Presentazione del Libro "Nostalgie" della scrittrice Patricia Vena, Palio del Duca , Acquaviva Picena Giugno 2003: Presentazione del Libro "L'ultima crociata" della scrittrice Patricia Vena, Libreria Rinascita, Ascoli Piceno

Settembre 2006: Presentazione del Libro "Seblie il ruolo del'arte" di
Patricia Vena, Roberta Lucianetti, Annalisa Piergallini
Sala Convegni, Grottamare

Settembre 2006: Presentazione del Libro "Seblie un linguaggio" di
Maxs Felinfer
Sala Convegni, Grottamare

6 Ottobre 2006: Presentazione dei Libri"Seblie: il ruolo del'arte" di
Patricia Vena, Roberta Lucianetti, Annalisa Piergallini e "Seblie: un linguaggio" di Maxs Felinfer
Campobasso


Dal 05 febbraio al 02 marzo 2010
L'Accademia Mondiale della Poesia promuove il
2° Concorso
“Gocce, un sms per salvare l’acqua con una poesia”

Il concorso è aperto a tutti, con una sezione speciale dedicata agli studenti di tutte le scuole italiane.
Il concorso è indetto in occasione della Giornata Mondiale della Poesia dedicata alla figura di Tonino Guerra.
La giuria è composta da qualificati protagonisti della letteratura contemporanea tra cui il poeta italiano Andrea Zanzotto e la poetessa brasiliana Marcia Teophilo.

L’Accademia Mondiale della Poesia in occasione delle celebrazioni della Giornata Mondiale della Poesia proclamata dall’UNESCO per il prossimo 21 marzo, promuove il concorso “Gocce, un sms per salvare l’acqua con una poesia” in collaborazione con Accademia Kronos Onlus (promotrice del Premio Internazionale “Un Bosco per Kyoto”), AMREF (African Medical and Research Foundation), Darwin Edizioni (specializzata nel settore dell’editoria scientifica e naturalistica) e Vodafone.
L’ONU ha dichiarato il 2005-2015 “Decennio internazionale dell’Acqua”. L’acqua è sempre stata oggetto di ispirazione per i poeti di ogni nazionalità (da Petrarca a Ungaretti tra gli italiani, da Goethe a E. Thomas fra quelli stranieri, solo per citarne alcuni).
Il concorso ha lo scopo di sensibilizzare le persone e in particolar modo i giovani studenti sul tema dell’acqua: un bene che riguarda tutti e che tutti dovrebbero considerare con più riguardo. L’ACQUA è un diritto per tutti i popoli, fonte di ogni vita e risorsa sempre più scarsa che va tutelata.
Modalità di partecipazione:
A partire dal 5 febbraio, fino al 2 marzo 2010, i partecipanti potranno inviare una poesia dedicata all’acqua, al numero 340 4399777, della lunghezza massima di 800 caratteri, spazi inclusi, inserendo all’inizio nome, età e città di provenienza, partecipando così al concorso di poesie via sms e dimostrando in questo modo anche la loro sensibilità per la salvaguardia dell’acqua.

Concorso per le scuole:
Un’attenzione speciale è riservata alle scuole di tutta Italia che potranno partecipare al concorso che prevede inoltre una sezione speciale in lingua veneta, inviando un messaggio al numero 340 4399777 della lunghezza massima di 800 caratteri inserendo all’inizio SCUOLA nome scuola e città se si partecipa come classe e ALUNNO cognome nome e città se si partecipa individualmente.
In occasione delle celebrazioni della Giornata Mondiale della Poesia, che avrà luogo il 19 marzo prossimo a Verona, verranno proclamati i vincitori del concorso.
La giuria:
Fra i membri della Giuria, due candidati per il Premio Nobel della Letteratura, la poetessa brasiliana Marcia Theophilo e il poeta italiano Andrea Zanzotto; il Presidente del WWF Oasi Antonio Canu, il Presidente di Accademia Kronos Onlus, Ennio La Malfa; il Prof. Francesco Vallerani, dell’Università Cà Foscari di Venezia; i giornalisti Ottavio Rossani del Corriere della Sera, Costanza Lunari di Gardenia e Grazia Francescato, giornalista ambientalista; Alessandro Troisi, Editore Darwin Edizioni; Alberto Benetti, Assessore all’Istruzione, Edilizia Scolastica, Promozione del lavoro e Politiche Giovanili del Comune di Verona, Stefano Quaglia, Ispettore della Direzione Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto; Ferdinando Cerchiaro, Dirigente Tecnico dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto; Anna Lisa Tiberio, dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona.

Le poesie saranno pubblicate sul sito: http://cis.laser-group.com/giornatapoesiasms.

Voto del pubblico:
Anche il pubblico potrà esprimere il proprio parere votando la poesia ritenuta migliore, inviando al numero 3404399777 il testo “VOTO” seguito dal numero della poesia scelta, visibile sul sito internet http://cis.laser-group.com/giornatapoesiasms. Per ricevere gratis il programma via sms del concorso o della Giornata Mondiale della Poesia, basta inviare al numero 3404399777 il testo “STAMPA” se si fa parte di un organo di informazione, “POESIA” in caso di addetti ai lavori, oppure semplicemente “PUBBLICO”.
Per ulteriori informazioni:info@accademiamondialepoesia.com , cell.; 346 701 59 29
http://www.accademiamondialepoesia.com